Spaghettoni con sugo al nero di seppia (link box)

Ingredienti per 4 persone:

  • Spaghettoni 500g (link)
  • 600gr seppia con le sacche del loro nero
  • 1 scalogno
  • 1 spicchio d’aglio
  • 300gr pomodori pelati
  • 1 cucchiaino concentrato di pomodoro
  • olio extravergine di oliva (link)
  • q.b. sale
  • 1 peperoncino
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • prezzemolo fresco

Preparazione:

Pulite e spellate le seppie conservando le vescichette con l’inchiostro. (Se non siete pratici, chiedete in pescheria, di darvi il pesce già pulito e di darvi interi i sacchetti con il nero) che utilizzerete quasi alla fine della preparazione del sugo. Lavate le seppie più volte sotto l’acqua corrente quindi dividete i tentacoli dalle sacche e tagliate tutto a striscioline.

In una pentola con un filo d’olio  dorate a fiamma bassa il trito di scalogno e lo spicchio d’aglio, aggiungere le seppie a striscioline, sfumate con il vino, alzate la fiamma fino a far evaporare l’alcol, poi riabbassate la fiamma e lasciate cuocere le seppie per una decina di minuti. Togliete lo spicchio d’aglio intero ed aggiungete i pomodori pelati, il concentrato di pomodoro sciolto in precedenza con un mestolo di acqua calda un pizzico di sale tenendo presente che il nero è già di suo saporito e mezzo peperoncino. Continuate la cottura per 15′ a fuoco basso.

In un’altra pentola fate bollire l’acqua e buttateci dentro la pasta.

Completate il sugo aggiungendo adesso il nero delle seppie pizzicando con le forbici le vescichette direttamente nella pentola dove state preparando il sugo. Mescolate lasciando cuocere per 2/3 minuti. La salsa deve risultare densa e di un nero molto intenso. 

Scolate gli spaghettoni al dente con il forchettone direttamente nella pentola con il sugo pronto.

Amalgamate bene il tutto. Servite gli spaghetti al nero di seppia nei piatti di portata aggiungendo sopra pezzetti di seppia e ciuffetti di prezzemolo fresco per decorare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *